“Dove c’è la volontà, c’è una strada”

Antico Proverbio dei Nativi Americani

Polpette di ricotta al sugo

  • 400 g di ricotta di mucca
  • parmigiano grattugiato qb
  • sale
  • pepe qb
  • 10 foglie di Basilico fresco
  • 2 uova medie
  • 140 g di pane raffermo
  • PER IL SUGO
  • 600 ml di passata di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • basilico fresco

Preparate sul piano da lavoro tutti gli ingredienti per le polpette. Consigliamo di comprare la ricotta almeno un giorno prima in modo che perda il siero in eccesso. In una ciotola, amalgamate le uova alla ricotta, poi aggiungete il parmigiano, il basilico fresco, il pane bagnato ma strizzato ed infine salate e pepate.

2

Ungetevi le mani con l’olio e preparate le polpette. Adagiatele su una teglia rivestita di carta forno ed irroratele con un filo di olio extra vergine. Infornate le polpette a circa 180° per 15min. in forno statico. Con il passar dei minuti, vedrete che le polpette prenderanno colore.

3

Infornate le polpette a circa 180° per 15min. in forno statico. Con il passar dei minuti, vedrete che le polpette prenderanno colore. Nel frattempo preparate il sugo facendo dapprima soffriggere uno spicchio di aglio con qualche cucchiaio di olio extravergine e successivamente aggiungendo la passata di pomodoro. Salate, pepate e aggiungete il basilico fresco. Fate cuocere per circa 20 minuti.

 

 

https://www.cucchiaio.it/

II mondo ha un occhio solo

di G. Arpino
II mondo ha un occhio solo

Siamo in tanti a non essere stati invitati,
la tavola è pronta ma noi dietro i vetri
guardiamo gli altri ridere e star bene.
Siamo in tanti, in troppi a guardare,
vorremmo essere li, siamo pronti
a star bene e anche a pagare il conto
alla fine, con una mano sul cuore.
Ma chi è che ha chiuso in principio la porta
in faccia a gente buona come noi
cosi buona che non capisce nemmeno le ragioni
che ci proibiscono di entrare e star bene?
Questa festa non è né lunga né tranquilla,
il mondo ha un occhio solo, capite,
e non si divertiranno le donne ben vestite,
non dormiranno in pace gli uomini grassi,
non canteranno le strade ed i bambini
finchè non entreremo anche noi
a ridere insieme, poi a pagare il conto.

Crepes senza uova con farina di ceci ripiene di spinaci

Ingredienti

  • 130 g di farina di ceci
  • 270 ml di acqua
  • 1 pizzico di pepe
  • q.b di sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q.b di olio di semi
  • 500 g di spinaci
  • 1 pizzico di noce moscata

Preparazione

Per iniziare la preparazione delle crepes senza uova con farina di ceci ripiene di spinaci dovete partire dagli spinaci. Prendete circa 500 g di spinaci surgelati e cuoceteli in una padella a fuoco medio-basso con un filo d’olio e un goccino d’acqua. Per renderli più saporiti, aggiungete un pizzico di sale e di noce moscata. Lasciateli scongelare e poi strizzateli leggermente per togliere l’acqua in eccesso. Spegnete la fiamma e lasciate che si raffreddino.

Nel frattempo preparate l’impasto per le crepes. In una ciotola versate la farina di ceci, il pepe, un pizzico di sale ed un cucchiaio di olio. Aggiungete l’acqua poco alla volta, mescolando il composto. Continuate a montare il composto con una frusta a mano fino ad ottenere una pastella priva di grumi e liquida.

Ungete con dell’olio di semi di girasole una padella antiaderente e lasciatela scaldare sul fuoco (fiamma media). Quando la padella si sarà scaldata versatevi all’interno un mestolo di pastella e distribuitela in modo uniforme sulla superifice della padella. Fate in modo che la pastella si distribuisca in modo da non lasciare buchi e utilizzate una dose adatta di pastella per non realizzare una crepes troppo sottile o troppo spessa.

Cuocete la crepes per un paio di minuti prima di girarla e cuocerla dall’altro lato. Vi accorgerete che la crepes è cotta quando si formeranno delle bolle e i bordi si staccherann facilmente dalla padella.

Lasciate freddare leggermente le crepes prima di farcirle con gli spinaci

http://cucina.fidelityhouse.eu/

Goulash di fagioli

Ingredienti per 4-6 persone:
1 scatola da 400 g di fagioli rossi
1 scatola da 400 g di fagioli al pomodoro
1 cipolla
1 grosso spicchio d’aglio o una generosa manciata di aglio in polvere
4 cucchiai di olio
3 cucchiaini di paprika
1 confezione o scatola da 400 g di pomodori a pezzi

1 dado di brodo vegetale
1 cucchiaino di zucchero

scolate e risciacquate i fagioli. Svuotate le scatole di fagioli rossi e di fagioli al pomodoro in uno scolapasta, e mettete sotto acqua fredda per togliere il sapore della scatola e il sugo scadente dei fagioli al pomodoro. Quando è tutto ben risciacquato, mettete da parte. Sbucciate e tagliate la cipolla e sbucciate e affettate finemente l’aglio. Mettete in una grande padella antiaderente da frittura con l’olio e la paprika e friggete a fuoco basso finché la cipolla non si ammorbidisce. Aggiungete i pomodori a pezzi,  il dado sbriciolato, lo zucchero e mezzo barattolo d’acqua e mescolate bene. Fate sobbollire gentilmente per 15 minuti finché il composto non diventa denso e lucido. Versate i fagioli risciacquati, mescolate bene e fate cuocere per 10 minuti.

https://d.repubblica.it/