preghiera.

"Signore, tu sai meglio di me che conosco me stesso, so che sto invecchiando e un giorno sarà vecchio. Gardami dall'abitudine fatale di pensare di dover dire qualcosa su ogni argomento e in ogni occasione. Liberami dal desiderio di raddrizzare gli affari di tutti. Rendimi riflessivo, ma non lunatico, utile ma non prepotente. Con il mio vasto archivio di saggezza mi sembra un peccato non usarlo tutto, ma Tu sai Signore, che io voglio un paio di amici alla fine.

Aiutami a tenere la mente libera da infiniti dettagli, dammi ali per arrivare al punto; che io sappia sigillare le labbra sulle mie magagne e i miei dolori. Essi sono in aumento come il passare degli anni. Non oso chiedere la grazia sufficiente per patire anche le pene di altri, ma aiutami a sopportare con pazienza. Non oso chiedere per il miglioramento della memoria, ma per una crescente umiltà quando la mia memoria sembra scontrarsi con i ricordi di altri. Insegnami la gloriosa lezione che ogni tanto potrei sbagliarmi.

Tienimi ragionevolmente dolce, io non voglio essere un santo, alcuni di loro sono così difficili da vivere. Dammi la capacità di vedere le cose buone in luoghi inaspettati e talenti in persone inaspettate".

Comments are closed.