Monthly Archives: agosto 2018

Un giorno, all’improvviso mentre ti starai pettinando, in silenzio o mentre ti infilerai una calza ti verrà in mente un mio gesto e ti ritroverai a sorridere pensandomi. Un giorno, all’improvviso pedalando veloce sotto le prime gocce di una calda pioggia di settembre sentirai un odore arrivarti al naso e risvegliare un ricordo di mestoli [Continue]

Cous cous freddo al tonno e pistacchi

Ingredienti 400 gr cous cous 200 gr tonno sott’olio in scatola 20 gr pistacchio sgusciato 10 frutti del cappero 0.5 limone 12 foglie rucola 4 dl brodo vegetale 5 cucchiai olio di oliva 1 cucchiaio succo di limone q.b. pepe   1) Mettete 400 g di cous cous precotto a cottura rapida in una padella, [Continue]

CREMA DI RICOTTA

Ingredienti 300 g Ricotta di pecora 200 g Ricotta vaccina 200 g Zucchero a velo 1 Baccello di vaniglia Preparazione Mettete la ricotta di pecora e la ricotta vaccina in una ciotola capiente insieme allo zucchero a velo e mescolate con un cucchiaio in modo da amalgamarli tutti insieme. Tagliate il baccello di vaniglia con [Continue]

Quando tu sarai vecchia e grigia e sonnolenta, Col capo tentennante accanto al fuoco, prenditi questo libro, E lentamente leggilo, e sogna del tenero sguardo Che gli occhi tuoi ebbero un tempo, e delle loro ombre Profonde; quanti furono a amare i tuoi attimi Di grazia felice, e quanti amarono, con falso o vero amore, [Continue]

v Nulla è in regalo, tutto è in prestito. Sono indebitata fino al collo. Sarò costretta a pagare per me con me stessa, a rendere la vita in cambio della vita. È così che è stabilito, il cuore va reso e il fegato va reso e ogni singolo dito. È troppo tardi per impugnare il [Continue]

” Chiamami quando ti va, quando ne hai voglia, ma non come chi si sente obbligato a farlo, questo non sarebbe bene né per te né per me, a volte mi metto ad immaginare quanto sarebbe meraviglioso se mi telefonassi solo perché sì, semplicemente come uno che ha avuto sete ed è andato a bere un bicchiere d’acqua, ma so già che sarebbe chiederti troppo, con me non dovrai fingere mai una sete che non senti. ” (Dal libro “L’uomo duplicato“ – José Saramago)