Category: pensieri

personalità ecoista

personalità ecoista La paura di sentirsi speciali La personalità ecoista teme di essere considerata vanitosa o di monopolizzare lo sguardo degli altri, anche per buone ragioni. La caratteristica degli ecoisti è la paura di proiettare un’immagine narcisistica, di apparire troppo pieni di se stessi. Di conseguenza, spesso si sentono a disagio quando ricevono attenzione, soprattutto [Continue]

Hai il diritto

1. Hai il diritto di giudicare il tuo proprio comportamento, i pensieri e le emozioni, e assumerti la responsabilità di questi. 2. Hai il diritto di non offrire giustificazioni o spiegazioni per le tue decisioni. 3. Hai il diritto di decidere se assumerti la responsabilità di risolvere i problemi degli altri. 4. Hai il diritto [Continue]

Qual è il tuo talento? -Costruisco castelli in aria grandissimi. -E poi? -Tappo le orecchie per non sentire il rumore che fanno crollando.

@AlbertHofman72, Forse i nostri problemi sono iniziati quando abbiamo smesso di saltare nelle pozzanghere e ci siamo preoccupati di non bagnarci i piedi. Beati voi che avete capito tutto della vita, però, per favore, non venite a spiegarmelo. Mi piaccio ignorante. – Cosa fai nella vita? – Aspetto il treno giusto. – E poi? – [Continue]

Io sono la periferia di una città inesistente, la chiosa prolissa di un libro non scritto. Non sono nessuno, nessuno. Non so sentire, non so pensare, non so volere. Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha [Continue]

” Adesso che il tempo sembra tutto mio / e nessuno mi chiama per il pranzo e per la cena, / adesso che posso rimanere a guardare /come si scioglie una nuvola e come si scolora, /come cammina un gatto per il tetto /nel lusso immenso di una esplorazione, adesso /che ogni giorno mi aspetta /la sconfinata lunghezza di una notte /dove non c’è richiamo e non c’è più ragione /di spogliarsi in fretta per riposare dentro /l’accecante dolcezza di un corpo che mi aspetta, /adesso che il mattino non ha mai principio / e silenzioso mi lascia ai miei progetti /a tutte le cadenze della voce, adesso /vorrei improvvisamente la prigione.”

Patrizia Cavalli .