Category: poesie

Ti auguro la gioia di avere sempre qualcuno con cui dividere ogni cosa… Ti auguro di avere dei bei ricordi cui ritornare col pensiero nei brutti momenti…

Ti auguro la gioia di avere sempre qualcuno con cui dividere ogni cosa… Ti auguro di avere dei bei ricordi cui ritornare col pensiero nei brutti momenti… Ti auguro una tra le migliori piccole gioie quotidiane: aprire un libro che ricordi bene, lasciarne le pagine, leggere le prime parole famigliari… Ti auguro la primavera e [Continue]

Anche per oggi non sei morta e ti tocca affrontare la vita, questa cosa ingombrante su cui vorresti sdraiarti. Stavolta ci sei, non lascerai più nulla al caso, dirai, sceglierai, avvicinerai, allontanerai. Ma poi, poco prima di, ricordi una malattia lontana, che oggi, più che mai, ti sembra assai vicina. Bisogna controllare. Esami, attese, risposte. [Continue]

Quando tu sarai vecchia e grigia e sonnolenta, Col capo tentennante accanto al fuoco, prenditi questo libro, E lentamente leggilo, e sogna del tenero sguardo Che gli occhi tuoi ebbero un tempo, e delle loro ombre Profonde; quanti furono a amare i tuoi attimi Di grazia felice, e quanti amarono, con falso o vero amore, [Continue]

La paura

  Paura de nun esse mai all’altezza, paura de dovè fa’ assai fatica, paura de smarrì la sicurezza, paura de deludere ‘n’amica, paura delle botte e del dolore, paura de nun esse corrisposto, paura quanno aspetti dar dottore, paura che – Magari perdo er posto -, paura che – No aspetta, è ancora presto -, [Continue]

Il mondo ha un occhio solo

  Siamo in tanti a non essere invitati, la tavola è pronta ma noi dietro i vetri guardiamo gli altri ridere e star bene. Siamo in tanti, in troppi a guardare, vorremmo essere lì, siamo pronti … a star bene e anche a pagare il conto alla fine, con una mano sul cuore. Ma chi [Continue]

Niente è mai veramente perduto, o può essere perduto. Nessuna nascita, forma, identità – nessun oggetto del mondo. Nessuna vita, nessuna forza, nessuna cosa visibile; L’apparenza non deve ostacolare, né l’ambito mutato confonderti il cervello.   – Walt Whitman

Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere.       Haruki Murakami