Categoria: poesie

NATALE di Giuseppe Ungaretti

Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade Ho tanta stanchezza sulle spalle Lasciatemi così come una cosa posata in un angolo e dimenticata Qui non si sente altro che il caldo buono Sto con le quattro capriole di fumo del focolare

«Quando desideri intensamente qualcosa, infiniti intrecci invisibili creano attorno a te circostanze imprevedibili. Ciò che è destinato a te, si rivelerà. Se il desiderio è puro, avrà modo di manifestarsi.» ( ℴ… ℐ ℴℴ ℯ ℊ)  

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in sé stesso. Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare. Muore lentamente chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.” Martha Medeiros

L’amore non svanisce mai.

La morte non è niente, io sono solo andato nella stanza accanto. Io sono io. Voi siete voi. Ciò che ero per voi lo sono sempre. Datemi il nome che mi avete sempre dato. parlatemi come mi avete sempre parlato. Non usate un tono diverso. Non abbiate un’aria solenne o triste. Continuate a ridere di [Continue]

Quando ero giovane, dicevo a me stesso: Come passano i giorni, a giorno a giorno, E niente di ottenuto o progettato! Più vecchio dico, con ugual fastidio: Come, uno dopo l’altro, i giorni vanno, Senza nulla di fatto e nulla nell’intenzione! Così, naturalmente, invecchiato Dirò, e con ugual voce e senso: Un giorno verrà il [Continue]

Konstantinos Petrou Kavafis “E se non puoi la vita che desideri, cerca almeno questo, per quanto sta in te, non sciuparla nel troppo commercio con la gente, con troppe parole in un viavai frenetico. Non sciuparla portandola in giro in balìa del quotidianogioco balordo degli incontri e degli inviti fino a farne una stucchevole estranea.”

di G. Arpino II mondo ha un occhio solo Siamo in tanti a non essere stati invitati, la tavola è pronta ma noi dietro i vetri guardiamo gli altri ridere e star bene. Siamo in tanti, in troppi a guardare, vorremmo essere li, siamo pronti a star bene e anche a pagare il conto alla [Continue]

Sei bella.

Sei bella. E non per quel filo di trucco. Sei bella per quanta vita ti è passata addosso, per i sogni che hai dentro e che non conosco. Bella per tutte le volte che toccava a te, ma avanti il prossimo. Per le parole spese invano e per quelle cercate lontano. Per ogni lacrima scesa [Continue]

quell’estraneo che vive nello specchio mi guarda nel modo di chi cerca di ricordarsi chi sono io…

Mario Quintana Albeggia un bicchiere di cristallo sul tavolo inventa tutti i colori dell’arcobaleno… Diario di viaggio il poeta è stato visto da un fiume da un albero da una strada… L’alba degli amanti chi avrà lasciato mentre ci amavamo quel catino di luce davanti alla nostra porta? Chi siamo quell’estraneo che vive nello specchio [Continue]