Spaghetti con zucchine al forno, olive e capperi

Spaghetti con zucchine al forno, olive e capperi
di adminlci
http://www.lacucinaitaliana.it/

zucchine 350 gr
spaghetti 350 gr
olive verdi 12 pz
capperi dissalati
aglio
prezzemolo
olio extravergine
sale

Mondate le zucchine, grattugiatele grossolanamente, poi allargatele su una placca foderata di carta da forno, unite le olive tritate, 2 spicchi di aglio senza buccia schiacciati, un cucchiaio di capperi sminuzzati e 4 cucchiai di olio. Infornate a 180-190 °C per 10-12′. Sfornate ed eliminate laglio.

Lessate nel frattempo gli spaghetti, scolateli e conditeli con le zucchine appena sfornate completando con un filo di olio crudo, prezzemolo tritato e, a piacere, con una grattugiata di grana.

In un momento Sono sfiorite le rose

In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

P. S. E così dimenticammo le rose.

(per Sibilla Aleramo)
di: Dino Campana

Se qualcosa può andar male, lo farà

Legge di Murphy
Se qualcosa può andar male, lo farà

Corollari alla Legge di Murphy
Niente è facile come sembra e tutto richiede più tempo di quanto si pensi;
Se c’è una possibilità che varie cose vadano male, quella che causa il danno maggiore sarà la prima a farlo;
Se si prevedono quattro possibili modi in cui qualcosa può andare male, e si prevengono, immediatamente se ne rivelerà un quinto;
Lasciate a se stesse, le cose tendono a andare di male in peggio;
Non ci si può mettere a far qualcosa senza che qualcos’altro non vada fatto prima;
Ogni soluzione genera nuovi problemi;
I cretini sono sempre più ingegnosi delle precauzioni che si prendono per impedirgli di nuocere;
Per quanto nascosta sia una pecca, la natura riuscirà sempre a scovarla;
Madre Natura è una puttana;

La filosofia di Murphy
Sorridi… Domani sarà peggio.

Costante di Murphy
Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore.

Versione relativistica della legge di Murphy
Tutto va male nello stesso tempo.

Chiosa di O’Toole alla legge di Murphy
Murphy era un ottimista.

Settima variante di Zymurgy alla legge di Murphy
Quando piove, diluvia.

Postulato di Boling
Se sei di buon umore, non ti preoccupare. Ti passerà.

Legge di Iles
C’è sempre un modo migliore.

Corollari alla Legge di Iles:
Quando il modo migliore ci sta davanti agli occhi, specialmente per lunghi periodi, non lo vediamo. Neanche Iles lo vede.

Seconda legge di Chisholm
Quando tutto va bene, qualcosa andrà male.

Corollari alla Seconda Legge di Chisholm:
Quando non può andar peggio di così, lo farà;
se le cose sembrano andar meglio, c’è qualcosa di cui non stiamo tenendo conto.

Terza legge di Chisholm
Le proposte sono sempre capite dagli altri in maniera diversa da come le concepisce chi le fa.

Corollari alla Terza Legge di Chisholm:
Se si spiegano le cose in maniera tale che nessuno possa non capire, qualcuno non capirà;
Se si fa qualcosa con l’assoluta certezza dell’approvazione di tutti, a qualcuno non piacerà;
Se si vuol mettere qualcuno di fronte al fatto compiuto, il fatto non si verificherà.

Prima legge di Scott:
Qualsiasi cosa vada male, avrà probabilmente l’aria di andare benissimo.

Seconda legge di Scott
Quando si trova e si corregge un errore, si vedrà che andava meglio prima.

Corollario alla seconda legge di Scott:
Quando si capisce che la correzione era sbagliata, sarà troppo tardi per tornare indietro.

Prima legge di Finagle
Se un esperimento funziona, qualcosa è andato male.

Seconda legge di Finagle
Qualunque sia il risultato di un esperimento, ci sarà sempre qualcuno pronto a:
fraintenderlo
falsificarlo
credere che si sia prodotto in virtù della sua teoria preferita.

Terza legge di Finagle
In un qualsiasi insieme di dati, la cifra è così evidentemente corretta
da non richiedere un controllo è l’errore.

Corollari alla terza legge di Finagle
Nessuno a cui chiedere aiuto la vedrà.
Chiunque passi di lì per darvi un consiglio gratuito la vedrà immediatamente.

Quarta legge di Finagle
Una volta che si è pasticciato qualcosa,
qualsiasi intervento teso a migliorare la situazione non farà altro che peggiorarla.

Norme di Finagle:
Prima tracciate le curve che vi servono, poi trovate i punti che corrispondono.
Ogni esperimento deve essere riproducibile, e fallire sempre allo stesso modo.
Non credete ai miracoli: contateci ciecamente.

Assioma di Wingo
Tutte le leggi di Finagle possono essere trascurate da chi ha imparato la semplice arte di fare senza pensare.

Legge di Gumperson
La probabilità che qualcosa accada è inversamente proporzionale alla sua desiderabilità.

Leggi di Issawi sul progresso:

Il corso del progresso:
La maggior parte delle cose va costantemente peggio.

Il sentiero del progresso:
Una scorciatoia è la via più lunga tra due punti.

Il passo del progresso:
La società è un mulo, non un’automobile… se la si spinge troppo, scalcia e disarciona chi la cavalca.

Prima legge di Sodd
Quando qualcuno cerca di raggiungere un obiettivo,
sarà sempre ostacolato dall’involontario intervento di qualche altra presenza (animata o inanimata).
Tuttavia, ci sono obiettivi che vengono raggiunti, in quanto la presenza che interviene
cerca a sua volta di raggiungere un obiettivo ed è naturalmente, soggetta a interferenze.

Seconda legge di Sodd
Prima o poi, la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi.

Corollario alla seconda legge di Sodd:
Un sistema deve essere sempre concepito in modo da resistere alla peggiore combinazione possibile di circostanze.

Legge di Simon:
Qualsiasi aggregato prima o poi cade a pezzi.

Legge di Rudin:
In casi di crisi che obbligano la gente a scegliere tra varie linee di condotta,
la maggioranza sceglierà la peggiore possibile.

Teorema di Ginsberg:
Non puoi vincere.
Non puoi pareggiare.
Non puoi nemmeno abbandonare.

Chiosa di Freeman al teorema di Ginsberg:
Tutte le più importanti filosofie che cercano di dare un significato alla vita
sono basate sulla negazione di una parte del teorema di Ginsberg.

Per esempio:
Il capitalismo è basato sul presupposto che si possa vincere.
Il socialismo è basato sul presupposto che si possa pareggiare.
Il misticismo è basato sul presupposto che si possa abbandonare.

Osservazione di Ehrman
Le cose andranno peggio prima di andar meglio.
Chi ha detto che le cose andranno meglio ?

Seconda legge di Everitt sulla termodinamica:
La confusione nella società è sempre in aumento.
Solo l’enorme sforzo di qualcuno o di qualcosa può limitare tale confusione in un’area circoscritta.
Tuttavia, questo sforzo porterà a un aumento della confusione totale della società.

Legge di Murphy sulla termodinamica:
Sotto pressione, le cose peggiorano.

Legge di Pudder:
Chi ben comincia, finisce male.
Chi comincia male, finisce peggio.

Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile

Prima legge di Zymurgy sulla dinamica dei sistemi in evoluzione:
Una volta aperta una scatola di vermi, l’unico modo di rimetterli in scatola è usarne una più grande.

Seconda legge di Commoner sull’ecologia:
Niente va mai via.

Legge di Howe:
Ognuno di noi ha un piano che non funzionerà.

Legge di Guizot:
Si cade sempre dalla parte da cui si pende.

Legge di Sturgeon:
Lo sporco costituisce il 90 per cento di tutto.

Assioma di Bramati:
Tutto suda.

Legge dell’ineffabile
Non appena si nomina qualcosa…
…se è buono, sparisce
…se è cattivo, succede.

chips di banana al forno

chips di banana al forno
vi serviranno 3 o 4 banane da tagliare a fette. Poi dovrete ungere una teglia o ricoprirla con carta da forno dove disporre le fette di banane e cuocere a 170°C per 50 minuti circa o fino a quando avrete ottenuto la consistenza desiderata. Potete cospargere le banane con un po’ di succo di limone per non farle annerire.

Chips di banana al forno dolci

3 o 4 banane
3 cucchiai di burro
1 cucchiaino di succo di limone
½ cucchiaino di zucchero di canna
½ cucchino di cannella o paprica dolce

Preriscaldate il forno ad una temperatura di 80-95°C per disidratare le banane. Ungete una teglia con il burro e distribuite le fette di banana. Cospargete le banane con il succo di limone. Cuocete per circa 1 ora. Aggiungete lo zucchero, la paprica dolce o la cannella. Togliete dal forno e lasciate raffreddare.

Chips di banana arrostite salate

3 o 4 banane
4 cucchiai di burro fuso
1 cucchiaino di succo di limone
½ cucchiaino di sale
½ cucchiaino di noce moscata

Preriscaldare il forno a 230°C. Mescolare in una ciotola tutti gli ingredienti, tranne le banane. Cospargere le banane con il composto ottenuto in modo uniforme e disporle in una teglia da forno. Fate cuocere in forno ben caldo per 10 minuti, poi rigirate le fette e fate cuocere per altri 10 minuti o comunque fino a doratura.

Chips di banana arrostite dolci

3 o 4 banane
4 cucchiai di burro fuso
1 cucchiaino di succo di limone
½ cucchiaino di zucchero di canna
½ cucchiaino di cannella
½ cucchiaini di chiodi di garofano in polvere

Preriscaldate il forno a 230°C. Ricoprite una teglia con la carta da forno. Formate un composto con tutti gli ingredienti e usatelo per ricoprire le fette di banana in modo uniforme. Disponetele sulla carta da forno e cuocete per 10 minuti, poi rigirate le fette di banana e cuocetele per altri 10 minuti o fino a doratura.

https://www.greenme.it/

banane al forno con cannella

Ingredienti

2-3 banane
burro qb
2-3 cucchiai di zucchero di canna
abbondante cannella in polvere

Preparazione

Sbucciare le banane e tagliarle accuratamente a rondelle. Trasferirle all’interno di una teglia da forno imburrata, quindi cospargerle con lo zucchero di canna, la cannella e qualche fiocchetto di burro. Cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per circa 20 minuti, quindi sfornare, fare intiepidire e gustare

http://www.blogo.it/

Sogliole surgelate al forno

Sogliole surgelate al forno

http://blog.giallozafferano.it/anna48/

Ingredienti

1 scatola da 250 grammi di pesce surgelato

poca farina

aceto di mele,q.b

qualche piccolo pomodorino

1/2 limone, succo, più quello da spremere dopo, a piacere

Procedimento

Scongelare, con l’apposita funzione, le sogliole al microonde
( o passarle velocemente sotto l’acqua fredda )
sciacquarle sotto l’acqua, metterle in una ciotola ed irrorarle con aceto di mele ( più delicato dell’aceto bianco ), quindi asciugare ogni filetto con carta da cucina
passarle da entrambe le parti velocemente nella farina
ricoprire la leccarda con carta da forno, adagiare i filetti distanziati tra loro irrorandoli con il succo del limone e pomodorini a fettine, infornare a 180° per una decina di minuti