« Per vivere nell’abbondanza occorre sapersi privare: è ciò che ha compreso il saggio. Egli dice a se stesso: «Mi priverò di qualche chicco di frumento, e questo mi permetterà di raccoglierne a migliaia». Anziché mangiare quei chicchi, egli li semina, e ben presto ecco tutto un campo da mietere. Chi invece non ha questa saggezza mangia tutti i chicchi, e dopo qualche tempo non gli rimane più nulla e si ritrova in miseria. Si ha bisogno di mangiare, ma non tutto: occorre seminare il resto. I semi di cui vi parlo sono i vostri pensieri e i vostri sentimenti che dovete imparare a seminare. I pensieri e i sentimenti possono infatti lavorare per il bene di tutti, ma a condizione di non “mangiarli”, ossia di non metterli al servizio di interessi egoistici. Chi sa privarsi ottiene raccolti così abbondanti che non solo non gli manca mai nulla, ma può anche nutrire un gran numero di creature nel mondo. » Omraam Mikhaël Aïvanhov

Impasto fluido per Piadine (o Borlenghi) Ingredienti per 4-5 borlenghi: 150 g di farina integrale o di farro 230 ml di acqua 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva 4 g di sale Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una pastella fluida. Con un mestolo versare su una padella già calda una parte del composto e stendere come si fa per le crepes. Mantenere il fuoco non troppo alto e cuocere lentamente (circa 5 minuti a piadina). Sono buone sia salate che dolci, anche il giorno dopo!

Impasto fluido per Piadine (o Borlenghi)

 

http://broccolettotenero.blogspot.com/

Ingredienti per 4-5 borlenghi:

150 g di farina anche  integrale o di farro

230 ml di acqua

3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

4 g di sale

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una pastella fluida.
Con un mestolo versare su una padella già calda una parte del composto e stendere come si fa per le crepes.
Mantenere il fuoco non troppo alto e cuocere lentamente (circa 5 minuti a piadina).
Sono buone sia salate che dolci, anche il giorno dopo!

Crema di latte al Nesquik

Crema di latte al Nesquik

 

 

Ingredienti:

  • 500 ml di latte (meglio se intero)
  • 125 g di zucchero
  • 65 g di amido d mais
  • 4 cucchiaini colmi di Nesquik

Passiamo ora alla preparazione della Crema di latte al Nesquik.

Mettere l’amido di mais in un pentolino con lo zucchero, aggiungere il Nesquik e mescolare bene con un cucchiaio.

Aggiungere del latte, poco alla volta, mescolando con un cucchiaio di legno, cercando di non creare grumi, fino ad ottenere una pappetta cremosa.

Mettere sul fuoco il latte rimanente e scaldarlo, quindi, versare il latte caldo nel composto cremoso e mescolare velocemente.

Accendere il fuoco al minimo e mescolare continuamente, fino a che la crema non avrà raggiunto la giusta densità.

La crema dovrà risultare setosa e senza grumi.

Lasciare raffreddare, coperta con pellicola a contatto.

Se, malauguratamente, la crema dovesse presentare grumi, niente panico, basterà ripassarla con le fruste elettriche e diventerà subito liscia e setosa.

La crema da consumare al cucchiaio, può essere messa anche calda nelle coppette individuali in cui verrà servita.

L FUTURO

E so molto bene che non ci sarai.
Non ci sarai nella strada, non nel murmure che sgorga di notte
dai pali che la illuminano, neppure nel gesto
di scegliere il menù, o nel sorriso
che alleggerisce il “tutto completo” delle sotterranee,
nei libri prestati e negli arrivederci a domani.

Nei miei sogni non ci sarai,
nel destino originale delle parole,
né ci sarai in un numero del telefono
o nel colore di un paio di guanti, di una blusa.
Mi infurierò, amor mio, e non sarà per te,
e non per te comprerò dolci, all’angolo
della strada mi fermerò, a quell’angolo a cui non svolterai,
e dirò le parole che si dicono
e mangerò le cose che si mangiano
e sognerò i sogni che si sognano
e so molto bene che non ci sarai,
né qui dentro, il carcere dove ancora ti detengo,
né là fuori, in quel fiume di strade e di ponti.
Non ci sarai per niente, non sarai neppure ricordo,
e quando ti penserò, penserò un pensiero
che oscuramente cerca di ricordarsi di te.

Julio Cortázar, da “Le ragioni della collera”,